“Bando Giovino illegale e mascherato come concorso di idee”

“Alla faccia della concertazione e della trasparenza! Con un blitz degno delle teste di cuoio, Abramo e soci hanno pubblicato un bando illegale e illegittimo per la tripartizione di Giovino, mascherato come concorso internazionale di idee.

Documenti senza data e senza firma, tutto in fretta, in modo che nessuno possa capire nulla. Un assalto all’ultima area rimasta disponibile in un territorio massacrato (vedi colline di via De Filippis) dal sindaco Attila. A come Abramo, A come Attila”.

E’ questo quanto scrive, in una nota, il gruppo consiliare “Fare per Catanzaro”.

“A gatta preciarola faci i gattuzzeddi orbi”, si dice così in Calabria. Si pensava che, terrorizzati dall’idea di non rispettare le cambiali elettorali, avrebbero accelerato, anche a costo di fare grossolani errori e di calpestare tutte le regole.

Lo avevamo capito che erano disposti a tutto e che per loro era la partita della vita. La pubblicazione del bando clandestino è la riprova di quanto Abramo e soci “ci tengono” a Giovino.
Il blitz, cari cavalieri del mattone, non è riuscito. Vi dovete inventare altro. Per noi la battaglia è appena iniziata”.

Redazione Calabria 7

Fonte