Area di 20.000 mq usata per scaricare rifiuti speciali, due denunce

Squillace

Un 46enne e un 52enne sono stati denunciati dai Carabinieri della Stazione di Borgia per abusivismo edilizio e attività di gestione rifiuti non autorizzata commessi su un terreno sottoposto a vincolo paesaggistico. I militari dell’Arma, in collaborazione con personale della Polizia Locale, nei giorni scorsi, hanno effettuato dei controlli di natura urbanistico-edilizia su un’area recintata di circa 20.000 mq, sita in località Fiasco Baldaia, nel comune di Squillace. Nell’area è stata riscontrata la presenza di numerosi corpi di fabbrica costruiti in muratura e in lamiera, oltre a due impianti di lavorazione di materiale inerte, di cui uno dismesso ed uno funzionante. Ma c’è di più. I Carabinieri hanno anche accertato che l’area interessata era stata adibita al deposito dello stesso materiale, estratto da una montagna limitrofa e che, a macchia di leopardo, erano presenti cumuli di rifiuti speciali.

Così, per il proprietario dell’area e quello dei due impianti per la lavorazione degli inerti, è scattato il deferimento in stato di libertà. Il terreno, immediatamente sequestrato, sarà sottoposto ad ulteriori accertamenti al fine di quantificare il materiale estratto e verificare eventuali danni ambientali.