Allaccio abusivo, munizioni e droga: due arresti

Anche diverse denunce dei Carabinieri nel basso Soveratese

Un 44enne di Santa Caterina sullo Jonio, F.A., nel Catanzarese, è stato arrestato dai Carabinieri per furto aggravato di energia elettrica, I militari dell’Arma della locale Stazione, coadiuvati dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Soverato e delle Stazioni di Badolato, Isca Marina e Guardavalle, con il supporto di unità cinofile di Vibo Valentia, hanno scoperto l’uomo che, mediante il collegamento di un cavo (sequestrato), attraverso una morsettiera, si era attaccato alla rete di distribuzione. Insieme al specializzato Enel, è stato possibile stimare il danno in circa 4.000 euro. L’uomo, dopo l’arresto, è stato ristretto in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione.  Sempre gli stessi militari, durante un’ispezione eseguita all’interno di un rudere hanno rinvenuto 342 gr. di marijuana, suddivisa in 2 involucri in cellophane, 128 gr. di semi di cannabis, 52 cartucce per pistola cal. 9 e un bilancino di precisione. Il 26enne, che usufruiva del rudere , è stato deferito in stato di libertà per detenzione illegale di stupefacenti e munizioni.

Infine, 3 giovani residenti nel comprensorio soveratese sono stati segnalati alla Prefettura di Catanzaro in quanto assuntori di sostanze stupefacenti, poiché trovati in possesso di diverse dosi di marijuana e hashish. Le sostanze stupefacenti sono state sequestrate e custodite presso gli uffici del Reparto operante, per le successive analisi da svolgere presso il L.A.S.S. di Vibo Valentia e il R.I.S. di Messina. La 1^sezione penale del Tribunale di Catanzaro ha convalidato l’arresto del prevenuto, senza disporre ulteriori misure.